Ricerca e sviluppo, 300 milioni per le imprese

Dal 30 settembre sarà possibile presentare le domande per le  agevolazioni del Fondo per la crescita sostenibile dirette a sostenere  progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti tecnologici individuati dal  programma dell’Unione europea “Horizon 2020”.

La dotazione finanziaria dell’intervento è pari a 300 milioni di  euro, di cui il 60% riservato a progetti proposti da imprese di piccole e  medie dimensioni.

I progetti devono prevedere un ammontare complessivo di spese ammissibili compreso tra 800 mila e 3 milioni di euro e possono essere presentati dalle imprese singolarmente o in forma congiunta, anche con Organismi di ricerca, fino a un massimo di 3 soggetti proponenti.

Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato per una percentuale delle spese ammissibili articolata in relazione alla dimensione d’impresa. Il finanziamento agevolato ha una durata massima di 8 anni, oltre un periodo di preammortamento di 3 anni, e prevede un tasso agevolato pari al 20% del tasso di riferimento stabilito dalla Commissione europea, comunque non inferiore allo 0,8%.

Bando per “Interventi per l’agriturismo” – Regione Marche – Scadenza 30 settembre 2014

E’ stato riaperto il bando “Interventi per l’agriturismo” del Servizio ambiente ed agricoltura della Regione Marche. A disposizione ci sono euro 775.710,80 e la scadenza per la presentazione delle domande è fissata pe r le ore 13 del 30 settembre 2014.
Sono previsti contributi a fondo perduto per qualificare l’offerta turistica finalizzata ad ottenere un aumento della qualità dei servizi offerti, per arricchire la proposta di ospitalità rurale con particolare riguardo alle tradizioni culinarie ed alle produzioni di qualità locali, alle attività didattiche e culturali, alle attività ricreative, riabilitative e sportive, il tutto per sviluppare la conoscenza del mondo agricolo e del territorio rurale anche sotto il profilo turistico. I beneficiari dell’iniziativa sono gli imprenditori agricoli in possesso di Partita Iva e che sono iscritti alla Camera di commercio oltre ad essere proprietari dei beni su cui si intendono realizzare le iniziative da agevolare. Queste ultime sono: recupero, ristrutturazione e risanamento conservativo di edifici rurali o porzioni di edifici da destinare alla fornitura di attività e servizi complementari all’ospitalità agrituristica; realizzazione di percorsi didattici ed escursionistici, all’interno dell’azienda agricola per la conoscenza ed il godimento dei beni ambientali e naturali, realizzazione di strutture sportive all’interno dell’azienda agricola, acquisto ed allestimento di attrezzature destinate ad attività sportive, ricreative, riabilitative, didattiche, formative, di animazione e culturali all’interno dell’azienda agricola. Oltre alle spese sostenute per la realizzazione di queste iniziative sono ammesse le spese tecniche di progettazione esecutiva degli interventi edilizi. Gli interventi possono essere localizzati in tutti il territorio regionale tranne nei comuni di Pesaro, Macerata, Ascoli Piceno ed Ancona. Il contributo a fondo perduto per la realizzazione dell’intervento ammonta fino ad un massimo di euro 50.000,00 per gli interventi edilizi e per la realizzazione di strutture sportive, ad euro 25.000,00 per la realizzazione di percorsi, ad euro 30.000,00 per l’acquisto di attrezzature funzionali alle iniziative realizzate ad euro 4.500,00 per le spese tecniche di progettazione. La domanda va presentata tramite il portale SIAR e poi in modalità cartacea insieme alla relativa documentazione.